07 Mag

Pilates il miglior modo per migliorarsi

      Paolo Ruggeri

pilates

Pilates è una parola che negli ultimi anni abbiamo imparato a conoscere. Ma cosa si nasconde dietro questo involucro semantico? Molto semplicemente un sistema di allenamento sviluppato all’inizio del 900 da un tale Joseph Hubertus Pilates.

Già figlio di ginnasti, il nativo di Dusseldorf avrebbe avuto difficoltà a seguire le orme del padre. Sin da giovane infatti asma, rachitismo e febbre reumatica lo hanno accompagnato. Ma Joseph non si è dato per vinto, e ha così sviluppato una serie di esercizi che traggono ispirazione anche da antiche discipline orientali come lo Yoga e il Do-In.

Insegnamenti che ancora oggi hanno grande validità, avendo la quotidianità confermato come lo stile di vita dell’uomo moderno sia spesso contraddistinto da pessima postura e respirazione inefficace. Concetti teorizzati, “sezionati” e applicati nonostante un’esistenza movimentata. Pilates è stato pugile, circense e allenatore per la difesa personale di detective inglesi. Inoltre, durante la Prima Guerra Mondiale, venne internato in un campo di prigionia, prima di trovare libertà a New York City.

I concetti base di questa disciplina sono dunque legati all’uso della mente per controllare i muscoli. Un risultato che si ottiene con esercizi che stimolano i cosiddetti muscoli posturali, cioè quei tessuti che aiutano a tenere il corpo bilanciato, essenziali per fornire adeguato supporto alla colonna vertebrale.

 

 

Categorie: Allenamento, Benessere, Mantenimento, Motivation, News, Palestra, Personal Training




COMMENTI


Johnson Store Tapis Roulant Horizon Fitness Tempo Fitness Treo Vision Matrix
Facebook
Twitter
Google+