10 Apr

Augusta Masters 2013, il top del golf

      Marco "mark" Costantino

E se vincesse il cinese Guan Tianlang? Se al termine del torneo di golf più ricco e famoso al mondo, gli Augusta Masters, la mitica “giacca verde” la indossasse un 14enne nato all’ombra della Grande Muraglia?

Domande che gli appassionati di questo sport si stanno facendo in queste ore di avvicinamento all’edizione 2013 del Masters in programma ad Augusta, Georgia (USA) dall’11 al 14 aprile.

E visto che si parlava poco fa di età (fra l’altro il 14enne di cui sopra ha soffiato il record all’italiano Manassero, che disputò il Masters per la prima volta a 16 anni nel 2010), saranno i 64 anni di Tom Watson a guidare la lista dei 93 pretendenti alla vittoria, selezionati dall’Official World Golf Ranking.

Da domani, quindi si inizia a fare sul serio sul “green” dell’Augusta National Golf Club, dove al termine del 77° Masters verrà aggiudicato il montepremi di 8 milioni di dollari.

Ma gli Augusta Masters ci danno l’occasione di parlare anche del golf in senso più ampio.

Questo sport ha infatti la parvenza di non richiedere particolari qualità fisiche. Sembra bastare solo precisione per una disciplina che non sottopone l’atleta a particolari stress fisici.

E invece giocare a golf esige un’adeguata preparazione proprio per evitare dolori e fastidi.

Contratture, stiramenti, strappi muscolari, per non parlare di problematiche a tendini, articolazioni o schiena, sono sempre dietro l’angolo quando ci dedichiamo a colpire la pallina con la mazza.

Spesso raccomandiamo di dedicare del tempo al riscaldamento prima di fare attività fisica. Stesso discorso vale in questo caso. Dopotutto, bastano 15 minuti di stretching per prevenire infatti infortuni.

 

 

Categorie: Allenamento, Motivation, News, Sport




COMMENTI


Johnson Store Tapis Roulant Horizon Fitness Tempo Fitness Treo Vision Matrix
Facebook
Twitter
Google+